donne in rinascita

Donne in Rinascita

Oggi giorno sono sempre di più le donne che iniziano a guardarsi dentro; stiamo assistendo a una vera e propria rivoluzione del femminile, una rivoluzione sana questa volta, lontana dai principi che hanno mosso le migliaia di donne che nel ‘900 hanno creato il movimento femminista, un moto che, a mio avviso, ha peggiorato le già esistenti fratture interiori della donna spingendola a riconoscersi in un ruolo che, come conseguenza di azioni errate protratte nei secoli precedenti, già allora non le apparteneva per natura.

Il cambiamento è tangibile, lo si può notare nei tanti seminari dedicati alla riscoperta del femminile che stanno nascendo: cerchi delle donne, sessualità sacra, riconoscere il proprio femminile, connessione con la luna, riscoperta del ciclo mestruale in chiave ancestrale, eccetera.

Tutto ciò sta portando i suoi vantaggi, ma anche alcuni svantaggi.

Donne in Rinascita – Vantaggi e Svantaggi

I primi sono riconoscibili nel fatto che cominciano a nascere i primi semi del concetto di sorellanza, dalla presa di coscienza della grande opportunità che offre il ciclo mestruale nella nostra purificazione e rigenerazione mensile, dal ritorno alla natura e ai suoi elementi (in special modo, per noi donne, con la terra e con l’acqua), dallo sviluppo del concetto di accoglienza e, soprattutto, dal ritorno nel nostro ruolo, quello che ci appartiene per natura, dentro il nostro cuore e come compagne e mamme che trasmettono il concetto di amore per sé ai propri compagni e figli.

Di questi concetti elencati, possiamo riconoscerne le parvenze dei primi semi che nasceranno negli anni a venire.

Questa rinascita, comunque, potrà avvenire solo se la donna svilupperà con vero amore la propria autostima, lasciando andare la rabbia, le paure e la competizione.

Purtroppo, è da tempo che ho la sensazione che molti dei seminari sui temi elencati sopra, generino anche donne più agguerrite di prima, celando in una finta amorevolezza un senso di superiorità nei confronti dell’uomo.

Lavorare sul proprio femminile non significa ritenersi migliori, ma vuol dire riconoscere e accettare anche il nostro maschile interiore, che possiamo vedere riflesso nel nostro modo di approcciarci all’uomo.

Mi piace riprendere gli archetipi della Maddalena e di Gesù come ideale di coppia cooperante e di parità tra femminile e maschile.

arton5529Lei rappresenta quella parte della Donna che con una sensibilità suprema, irradia invece di cercare, emana invece di chiedere, sente e agisce invece di pensare e stare nella passività. Maria Maddalena era fedele alle sue idee, creativa costante con un’impeccabile motivazione interiore, lei è fondatrice di un movimento sociale che ancora perdura, i suoi insegnamenti profondi e sacri per quanto siano stati occultati, sono stati e saranno ogni giorno sempre più “quotidiani”. Il vero amore, l’amore sacro, l’amore in equilibrio, l’amore della coppia sacra con un compagno che non è un compagno qualunque, è l’unico che può essere il tuo compagno poiché c’è qualcosa di così puro e unico tra ambedue che unisce e produce l’alchimia divina nell’estasi quotidiana” (tratto da “Maria Maddalena nel Quotidiano” – testo scritto da Isabella Magdala).

E mi piace anche riprendere un concetto semplice, ma profondo, espresso dalla mia maestra di Aura-Soma Gabriella Crisci, che suggerisce il passaggio da “competere” a “compatire”, quest’ultimo termine inteso nel suo significato etimologico di “giustificare, scusare, considerare con benevola indulgenza”.

E come farci aiutare dai fiori in questo impegnativo, ma essenziale percorso?

Donne in Rinascita – Quali fiori?

Innanzitutto penso a Vervain, essenza che aiuta chi ha bisogno di dimostrare agli altri quanto vale poiché alla base c’è, in realtà, una forte insicurezza. Vervain è anche il fiore del polemico e del politico, di chi investe un esagerato entusiasmo per cambiare persone o cose, pensando dal suo punto di vista di migliorarle. La persona che necessita di Vervain non vuole farsi aiutare, rifiuta i pareri altrui poiché crede di saperne di più.

Vervain, assunto con costanza, aiuta a comprendere che “i grandi ideali si raggiungono solo senza stress nè impazienza” (Edward Bach – Le opere complete). Vervain consente di mollare la presa e armonizzare lo zelo con più morbidezza, di farsi aiutare, accogliendo opinioni diverse dalle proprie.

Anche Beech aiuterà molto nella strada verso la compassione e la comprensione, permettendo alla persona di imparare a cogliere ciò che c’è di buono in ognuno, nonostante le cose che appaiono errate.

Un’altra essenza di Bach che permette di guarire la competizione è Holly, il fiore dell’amore universale. Holly aiuta la persona diffidente, sempre all’erta, invidiosa degli altri ad aprire il cuore, a sviluppare il perdono e la fiducia nel prossimo.

La donna che sta compiendo un percorso interiore di auto-guarigione degli schemi limitanti che per secoli l’hanno castrata e oppressa, ha bisogno di compiere un’accettazione sì del proprio femminile, ma anche del proprio maschile.

Alla base della competizione con l’uomo c’è una grande paura; paura di essere schiacciate, maltrattate… sono memorie che riaffiorano da vite passate, e comunque esistenti nell’inconscio collettivo; paure mai guarite e perpetuate nei secoli che hanno dato come risultato quel che vediamo oggi, una donna che spesso copre ruoli propri dell’uomo, che ha perso il contatto con i suoi bisogni più profondi, che mendica amore e attenzioni come una bambina bisognosa.

Ecco allora che tornano a essere utili i meravigliosi fiori di Bach, che con la loro grande saggezza, aiutano anche in questo senso.

Potremo utilizzare Mimulus per sviluppare il coraggio, inteso proprio come “azione dal cuore” e “assenza di paura”. Ci faremo aiutare da Heather quando ci sentiremo molto sole, troppo bisognose di affetto. Assumeremo Cerato quando non ascoltiamo il nostro intuito che non sbaglia mai, ma del quale ci hanno insegnato a non fidarci.

Pine ci consentirà di perdonarci per aver fatto del male a noi stesse e agli altri e Larch ci aiuterà a comprendere che nessuno è inferiore o superiore, ma che siamo tutti uguali nelle nostre diversità.

donne in rinascita

Come detto, sempre più donne si stanno mettendo profondamente in gioco, disposte a guardare il proprio buio per trasformarlo in guarigione; una volta scampato il pericolo di creare un secondo pericoloso movimento femminista, riconoscendo la competizione, la disistima, il bisogno, l’accettazione dei propri lati maschile e femminile, tutto ciò potrà servire a sviluppare molto amore nella donna, ma perché avvenga un cambiamento nel mondo, sono fermamente convinta che è necessario che anche l’uomo cominci profondamente a guardarsi dentro.

Servono ancora molte ovaie per portare in questa società una vita in accordo con i propri ideali, vissuta in coscienza e dignità, essendo fedele a se stessa, scegliendo di Amare davvero invece di mendicare, competere o copiare. Ugualmente negli uomini, serve ancora molta mascolinità per vivere in accordo con i loro ideali, con la loro verità interiore, con la loro forza pura e autentica, e come molte volte dico durante i miei corsi, con le loro palle al servizio del loro cuore.” (tratto da “Maria Maddalena nel Quotidiano” – testo scritto da Isabella Magdala).

Ogni giorno vedo donne che per guarire i loro dolori, che siano essi fisici o emozionali (anche se sappiamo che sono la stessa cosa) sono pronte a riconoscere i loro errori e, con ascolto e apertura, cominciano un percorso che le condurrà dritte nei loro immensi cuori. Spesso, queste donne lamentano il fatto che i loro mariti o fidanzati non sono disposti a fare altrettanto; restano fermi nelle loro convinzioni, giudicano come delle “rompiscatole” le proprie donne che chiedono chiarimenti, esulano dal ruolo di figura protettiva nei confronti delle loro compagne e dei figli poiché non riconoscono le loro insicurezze che si ostinano a non voler guardare poiché ciò significherebbe sentirsi ancora più deboli di come si sentono.

Possiamo notare i risultati di tutto ciò nella profonda crisi che la coppia sta vivendo.

Sempre più coppie si lasciano oppure restano insieme senza comunicare, senza fare l’amore e tradendosi reciprocamente in cerca di emozioni che il proprio compagno/a non sa più dare.

E’ indispensabile una reale presa di coscienza da parte di entrambi, uomini e donne, di percorsi di coppia dove ognuno lavora per se stesso e contemporaneamente per stare bene e far star bene l’altro, per dare alla luce dei figli che si possano appoggiare su basi solide e dove dentro di loro possano svilupparsi e dimorare in armonia maschile e femminile.

Donne in Rinascita – E gli uomini?

Sono ancora molte di più le donne che si mettono in discussione in percorsi interiori piuttosto che gli uomini. Il 90% dei miei clienti sono donne. Quando arriva un uomo, per prima cosa noto sempre un senso di vergogna nel rivelare le proprie problematiche, un orgoglio che impedisce spesso di ammettere i propri errori. Così, per prima cosa, cominciamo a lavorare con Larch, il fiore che dona autostima e sicurezza di sé. Non mancano mai anche Gentian e Mimulus; il primo per sviluppare più fiducia in sé, nella terapeuta (!), ma soprattutto nella vita, il secondo per aumentare il coraggio. Molto spesso, sono utili anche Crab Apple, che aiuta a superare il senso di vergogna, e Agrimony, un’essenza fantastica che permette di far cadere la maschera che ci si è costruiti di sé, mostrando un modello convenzionale piuttosto che i veri se stessi.

Questi sono i principali fiori di Bach che possono aiutare l’uomo che comincia un percorso interiore, per iniziare a eliminare qualche barriera per poter entrare nel profondo.

Altre essenze saranno poi d’aiuto alla persona a seconda del vissuto del singolo individuo e del carattere di nascita.

donne in rinascita

Tenevo molto a scrivere questo articolo e sono fermamente convinta che è ormai urgente che ognuno di noi, uomo o donna, si guardi dentro e riconosca il male che fa a se stesso e all’altro, per poter costruire una nuova società basata su valori profondi, nell’armonia e nella prevenzione di molte malattie che neanche esisterebbero in un mondo dove la coppia, il primo nucleo, vive nella cooperazione, nella co-creazione, nel rispetto delle diversità dei reciproci mondi interiori.

“Ogni donna per arrivare al Grande Spirito ha bisogno di un uomo, così ogni uomo ha bisogno di una donna.

L’uomo insegna alla donna ad elevare il cuore, la donna insegna all’uomo a far scendere lo spirito in terra e ad amare sé stesso. Il potere dell’unione tra uomo e donna è la cosa più affascinante che esista. Il potere della preghiera nell’unione tra uomo e donna, pregando per un’intenzione comune, è come chiedere qualcosa all’ennesima potenza! La donna senza l’uomo rimane Terra, molto amore, ma solo Terra. L’uomo senza la donna non avrebbe semi da far germogliare.” (Abuela Margarita Nunez)

SI! MANDAMI I 3 VIDEO GRATUITI

INSERISCI IL TUO NOME E IL TUO INDIRIZZO MAIL PER RICEVERE GRATUITAMENTE I 3 VIDEO ESTRATTI DAL CORSO BASE, PRIMA DI DECIDERE SE ACQUISTARLO.

You have Successfully Subscribed!