chicory fiori di bach significato

Chicory e l’Amore incondizionato. Capirne il significato.

Chicory è l’Amore incondizionato. Per capirne il significato bisogna farsi trasportare dalla vibrazione di questo splendido fiore azzurro.

Ci sono alcuni fiori che destano più reazioni di altri e frequentando i corsi di floriterapia, si sentono spesso aneddoti su alcune tipologie floreali che tendono bonariamente a prendere in giro alcune di queste tipologie, che sembrano più caricaturali di altre. A Chicory spetta un posti di rilievo in questa Top ten dei fiori che nessuno vorrebbe mai, ma questo è proprio quello che succede.

Quando sentiamo che un fiore ci da fastidio, abbiamo già un cartello luminoso sopra la testa che indica la presenza di quello stato in noi.

Chicory è uno stato diffusissimo nella nostra cultura e per via del modello di attaccamento che abbiamo ereditato dai nostri genitori, e per via della nostra “mediterraneità”, che tende a fare famiglia, tende a fare nucleo, tende a fare chioccia. Tende a stabilire un ordine all’apparenza patriarcale, ma in realtà molto matriarcale, che prendendosi cura dell’ambiente in cui si vive, lo gestisce affinché funzioni.

Bach dice: “Per coloro che sono molto attenti ai bisogni altrui. Tendono a prendersi eccessivamente cura dei bambini, dei parenti, di amici e trovano sempre qualcosa da rimettere a posto. Correggono continuamente ciò che considerano sbagliato e hanno il piacere di farlo e desiderano intensamente avere sempre vicino coloro che amano”.

In questo vediamo la classica madre di famiglia, indaffarata affinché tutto ciò che le gravita intorno, funzioni a meraviglia.

Da questa prima visione, abbiamo imparato a capire che il sotterraneo motivo per cui questo avviene è il bisogno di Amore che ci fa sentire gratificati mentre facciamo qualcosa per gli altri, specialmente per le persone che amiamo.

Se io faccio qualcosa per te, mi sento gratificato e questo mi fa stare bene.

Ecco allora che questa gratificazione diventa per me una sorta di nutrimento, io mi sento bene quando ne ho e, per via dell’attaccamento, male quando non ne ho più. Il peso su questa bilancia si è spostato un po’ troppo in là, ed ecco che, col tempo, divento dipendente dal gradimento altrui, questo mi aiuta a sentirmi vivo, mi sento utile, accettato in questa situazione che va a colmare una percezione di vuoto interiore derivante in molti casi da una vecchia ferita nella percezione d’amore.

È questa a generare il vuoto.

La sensazione di non essere stati amati abbastanza ci spinge a due diverse derive che condividono questa percezione: la ferita del depresso e quella dell’istrionico.

chicory fiori di bach significato

Chicory nella strutture delle Subpersonalità

La ferita del depresso è costituita da una carenza di amore. Al depresso è mancata la fondamentale rassicurante esperienza di accettazione, comprensione, comunione con la madre. In termini di teoria dell’attaccamento, al depresso è mancata la base sicura, quindi è mancata l’esperienza di essere assicurato, accolto, in modo caldo, pieno, incondizionato.

Può aver avuto una madre fredda, poco attenta, incapace di empatizzare, e quindi può aver sperimentato freddezza e rifiuto, oppure abbandono. Oppure può aver avuto una madre iperprotettiva e possessiva, che lo ha mantenuto debole e incapace di auto affermarsi.

La madre iperprotettiva in apparenza sembra amare il bambino e prendersene cura con grande attenzione. Ma questo è solo il livello superficiale. In realtà l’iperprotezione non è affatto un’espressione di vero amore, che presuppone in primo luogo comprensione e rispetto.

La madre iperprotettiva svaluta il bambino, non lo riconosce non accetta nella sua identità, ma ne fa un oggetto del proprio bisogno di controllo è dominio. Lo mantiene debole, sottomesso, dipendente, scoraggiando ogni suo impulso aggressivo e ogni impulso all’autoaffermazione, non in modo diretto, come fa ad esempio la madre dell’ossessivo, ma in modo indiretto, seduttivo.

È la tipica madre troppo buona, mai frustrante, compiacente per timore di perdere l’affetto del figlio: una madre depressa, in sostanza. Il bambino non è libero di provare sentimenti senza ferire una madre così buona, e si sente in colpa per ogni tentativo di autoaffermazione. In tal modo impara sentirsi debole, inadeguato, bisognoso di protezione, dipendente a cui il vissuto depressivo di carenza, indegnità, colpa. Di qui l’impossibilità di esprimere la rabbia. (Scardovelli – Subpersonalità e crescita dell’Io – pag. 132, cap.5 – nota 4)

chicory fiori di bach significato

Da questa posizione carienziale, si percepisce una mancanza d’amore che va a innescare un triangolo di fiori di cui più volte abbiamo parlato nel corso di formazione completa, ovvero Centaury, Chicory, Gentian.

Questi tre fiori lavorano la struttura, dove Centaury è l’incapacità di esprimere i propri bisogni, Chicory il maldestro tentativo egoistico di compensazione e dove Gentian rappresenta la delusione nel non riuscire ad ottenere con conseguente mancanza di fiducia. Ovviamente sono supportati da Larch, Pine ed eventualmente Crab Apple.

Questo triangolo si sovrappone al triangolo di Karpman, dove Chicory rappresenta entrambi i poli della dualità Salvatore/Persecutore, poiché Chicory desidera salvare l’altro da sé stesso, ma essendo questa percezione uno specchio rivolto alla realtà della propria interiorità, Chicory desidera in realtà salvare sé stesso, ma partendo da una posizione depressiva non ne ha la forza, quindi pretende di salvare l’altro e, attraverso la “grazia ricevuta” che ne consegue, che possa anch’egli salvarsi a sua volta (da qui nasce l’atteggiamento egoistico).

Ma quando l’altro non segue ciò che il Chicory/Salvatore chiede, si manifesta il Chicory/Persecutore che punisce perché gli si è disubbidito. Quest’ultima manifestazione arriva come conseguenza della percezione di aver amato e non essere stato ricambiato, che altri non è se non la percezione egoistica infantile di carenza d’amore.

La polarità vittimistica viene invece rappresentata da Centaury.

La ferita dell’istrionico è simile a quella del depresso: all’origine c’è un vissuto di esclusione quindi una mancanza di sintonia profonda, contatto, amore. Nella ferita dell’istrionico troviamo angosce depressive, senso di indegnità, mancanza di affetto, timore di soccombere. Come nel depresso una parte dell’energia vitale si ripiega su se stessa, vuole sparire, vuole morire. La convinzione profonda: io non sono degno d’amore e affetto. L’emozione di fondo è la paura della solitudine e della morte. Come nel depresso c’è un fondamentale vissuto di inferiorità. (Scardovelli – Subpersonalità e crescita dell’Io – pag. 252)

I fiori del nucleo per l’istrionico sono Agrimony, Heather, Cherry Plum, Sweet Chestnut, ed essendo l’ambiente familiare caotico il contraddittorio, imprevedibile, privo di guida di validi modelli, spesso ci si trova nel bisogno di somministrare Scleranthus (della triade Scleranthus White ChestnutCherry Plum abbiamo parlato approfonditamente nel corso di formazione completa).

Anche in questo caso Chicory è compensativo, sta cercando di ottenere l’amore di cui sente la carenza.

chicory fiori di bach significato

Chicory dal punto di vista del sé superiore

Sapendo che i fiori di Bach lavorano riconnettendo la personalità al sé superiore in cui già l’informazione positiva archetipica è presente, possiamo ragionare su quale sia l’imprinting che questo fiore può portare. La percezione del sé superiore non è ovviamente di carenza d’amore, bensì di presenza d’amore. Il nucleo profondo della persona è già nell’oceano dell’amore, la personalità invece ne è scollegata. Da qui la percezione di carenza d’amore, la personalità non ha accesso alle profondità dell’anima e cerca di compensare con la convinzione/illusione cristallizzata che trattenendo gli altri e il loro amore potrà finalmente riempire quel vuoto.

Questa cristallizzazione si traduce nel volere inconsciamente che gli altri, che Chicory percepisce non distaccati da sé ma come estensione della sua persona, si comportino come si comporterebbe lui/lei. La lezione di Chicory è molto importante perché dell’amore incondizionato, quella attraverso cui tutti, prima o poi, dovremo passare.

Amore incondizionato significa amare comprendendo profondamente dentro di noi che l’altro è libero di sbagliare e che, seppure tutti siamo uno, ognuno di noi è un’entità a sé stante, siamo tutti cellule di un grande organismo e ognuno di noi sta collaborando al grande disegno.

L’amore incondizionato quindi, in definitiva è libertà.

È saper dare la libertà all’altro e di conseguenza anche a noi stessi, così da far cadere il copione Salvatore/Vittima/Persecutore, poiché in realtà non c’è nessuno da salvare, ed accedere infine al nucleo profondo di noi stessi che è amore incondizionato, libero, totalizzante.

Da questa nuova posizione ci accorgeremo che anche gli errori sono bellissimi e soprattutto, sono proprio gli errori a permetterci di migliorare ogni giorno di più.

Una frase su cui Chicory può riflettere è questa: “Il tuo compito non è trascinare il resto del mondo in una nuova consapevolezza, ma di fare semplicemente il tuo lavoro, in modo sacro, segreto e silenzioso. Quelli che hanno occhi per vedere e orecchie per udire, risponderanno”.

SI! MANDAMI I 3 VIDEO GRATUITI

INSERISCI IL TUO NOME E IL TUO INDIRIZZO MAIL PER RICEVERE GRATUITAMENTE I 3 VIDEO ESTRATTI DAL CORSO BASE, PRIMA DI DECIDERE SE ACQUISTARLO.

You have Successfully Subscribed!