Gorse

Fiori di Bach per l’incertezza

“Per casi di grande disperazione. Queste persone hanno rinunciato all’idea che si possa ancora fare qualcosa per loro. Anche se arrivano a sottoporsi a terapie differenti per obbedire a qualcuno o per far piacere a qualcun altro, continuano a ripetere di avere ben poche speranza di miglioramento”.

Nome: Gorse

Abbreviazione: GOR

Nome italiano: Ginestrone, Ginestrone comune

Nome botanico: Ulex europaeus

Parole chiave: Sconforto, disperazione, rinuncia, resa, avvilimento, delusione, demoralizzazione, desolazione, scoraggiamento, sfiducia.

Caratteristiche del Fiore: Aiutante

Metodo di preparazione: Solarizzazione

Periodo di Fioritura: Febbraio / Maggio

Principio transpersonale: Resa

A COSA SERVE GORSE:

Gorse è utile quando abbiamo gettato la spugna di fronte agli ostacoli, che ci sembrano ormai insormontabili.

COME SI USA GORSE:

Nel trattamento di medio periodo (4-6 mesi), insieme agli altri fiori scelti, nel flacone di trattamento. Non è utile usare dalla stock bottle. 

Caratteristiche psicologiche ed emozionali di Gorse:

gorse fiori di Bachabbattimento, atteggiamenti passivi, autocommiserazione, convinzione di aver tentato ogni strada, delusione, disperazione, frustrazione, incapacità di cambiare strategia ed eccessiva focalizzazione su un solo aspetto degli eventi, incapacità di trovare le motivazioni interiori, non realmente partecipativo, si lascia convincere per compiacere gli altri, perdita totale della fede e della speranza, pessimismo cronicizzato, rassegnazione vissuta come rinuncia, resa di fronte a circostanze avverse senza soluzione apparente, sconforto, senso di vuoto e di sconfitta.

Relazione con il Sé: incapacità di cambiare prospettiva nel dolore. Dovrà accettare la sofferenza per comprenderne l’insegnamento trascendente.

Il rimedio apporta: la capacità di comprendere il disagio e l’apertura alla speranza.

Gorse nelle caratteristiche tipologiche (Type):

gorse fiori di BachL’archetipo alla base di questo fiore sembra tutt’altro che tipologico ed è la resa. Per questo parliamo di transitorietà nel definire Gorse, poiché è difficile nascere con la “resa” già presente in sé. Tuttavia vi sono vite più difficili di altre, nel senso che ad alcuni toccano destini più incerti e siamo propensi a pensare che individui con personalità di tipo evitante (Mimulus), depressiva (Gentian) o dipendente (Centaury), abbiano più facilità a cadere in stati di rassegnazione Gorse, piuttosto che altri. La differenziazione importante e necessaria nel descrivere questa tipologia reattiva di comportamento sta nel comprendere a fondo l’attribuzione delle responsabilità.

Mentre infatti, nel senso di colpa e di inferiorità, la responsabilità è attribuita a sé stessi, nella resa di Gorse, la responsabilità va alle cause esterne, alle prove della vita che sono state troppo grandi da affrontare e ci hanno sconfitto. Certo, spesso l’oggettività della condizione Gorse è indiscutibile. Lutti, separazioni, perdite di lavoro, fallimenti, tutte queste casualità possono scatenare lo stato Gorse e se questo viene protratto per lungo tempo senza essere risolto, diventa parte integrante della personalità ed è da questo punto di vista che potremmo considerare il Gorse come tipologico.

Ma lo stato Gorse è in ogni caso, sempre uno stato reattivo alle circostanze della vita. Pensiamo ad esempio al bambino che durante l’imprinting (la fase critica dell’apprendimento che avviene in tenera età) riceva dall’esterno, dalle figure genitoriali, stimoli di negatività, di rinuncia, di fallimento o semplicemente molti traumi di natura emozionale e psicologica. Certo avrebbe “incorporato” l’archetipo della “resa”, vedrebbe la vita dietro lo spettro delle difficoltà e quindi della rinuncia. Gorse rappresenta il lasciarsi andare senza più governare la propria nave, dell’essere in balìa del vento, delle vicissitudini e questo per far diminuire la tensione connessa con il dover fronteggiare una vita che pensiamo di non saper affrontare, a causa dell’enormità delle situazioni.

Non c’è via d’uscita” sembra ripetere la mente come un disco rotto, così l’abbattimento si fa strada nei meandri dell’essere. Gorse può essere utile anche per chi presenta la convinzione dell’ereditarietà patologica, in cui si pensa di non avere via di scampo dalla malattia perché i parenti ne hanno sofferto. In molti iniziano a pensare che lo stato d’animo influenzi positivamente o meno la prognosi di una patologia, ottant’anni fa il medico gallese aprì questa strada con il fiore Gorse.

Il motivo della loro rassegnazione è che, una volta, la paura, il terrore o il tormento gli hanno fatto abbandonare la speranza, per cui hanno cessato di lottare (Edward Bach).

Gorse come stato d’animo transitorio (Mood):

gorse fiori di Bachla transitorietà dello stato Gorse sembra avere una diretta relazione con il fenomeno di causa/effetto. Come detto sopra, lutti, separazioni, malattie a prognosi nefasta, possono innescare questa condizione che sembra lasciare nessuna speranza di miglioramento. Ogni volta che ci troviamo nella forma mentis della rassegnazione, Gorse è un potente alleato.


gorse fiori di BachInterazione con i problemi fisici:
blocchi nel meccanismo di guarigione, da usarsi nel recupero traumatologico, depressione, malattie autoimmuni, studi del S.E.D.I.B.A.C. hanno evidenziato una relazione con il sistema immunitario, trattamento delle varici e della circolazione arteriosa.

Consigli pratici per l’uso: quando si affronta la resa della macchina umana, l’ostacolo più grande è ovviamente quello di aver rinunciato interiormente alla reazione in quanto considerata inutile. Si installa nella mente un meccanismo dissociativo nei confronti dell’utilità di ciò che facciamo che ci spinge a non vivere più. In questi casi, per esperienza personale, ho trovato molto utile il valore del rito.

Il rito inteso come spazio psicologico interiorizzato dove trovare un attimo di quiete. Pare ovvio che vi sia da fare uno sforzo che non si desidera fare perché non se ne riconosce il valore, tuttavia proprio in quei momenti è necessario sforzarsi anche solo dieci minuti al giorno di trovare uno spazio in cui si apra al divino che è in noi. Una meditazione, una passeggiata, respirare nella natura. Tutto il resto lo farà il fiore.

Quali fiori somministrare insieme a Gorse?

Sempre premesso che le ricette preconfezionate NON funzionano perché non rispondono alle reali necessità delle persone, ci sono però alcuni fiori più facilmente riscontrabili in questo caso. Sono:

 

  • Clematis
  • Gentian
  • Scleranthus
  • Vervain

Antesi – Gorse – Tabella delle fioriture

GENNAIO

FEBBRAIO

MARZO

APRILE

MAGGIO

GIUGNO

LUGLIO

AGOSTO

SETTEMBRE

OTTOBRE

NOVEMBRE

DICEMBRE

Gorse

Presenza sul territorio

Fabaceae

SCHEDA DI Ulex europaeus L.

Forma biologica

P caesp – Fanerofite cespugliose. Piante legnose con portamento cespuglioso.

Tipo corologico

Subatl. – Europa occidentale e anche piu’ ad oriente nelle zone a clima suboceanico.

Esoticità: Indigena

Protezione: Entità non protetta

Utilizzi: Tossica

Etimologia

Ulex: dall’antico nome della pianta la cui l’origine non è molto chiara

europaeus: (Asarum, Caralluma, Cuscuta, Euonymus, Heliotroprium, Loranthus, Lycium, Lycopus, Lysimachia, Olea, Plumbago, Sanicula, Trollius, Ulex) dell’Europa, europeo

Fonte: Actaplantarum

Per te subito

INSTILLA

Il nostro E-book più letto

Oltre 140 pagine

Scaricalo Subito!

Più di 4000 Download!

SCARICA I VIDEO GRATUITI

Inserisci il tuo nome e la tua e-mail per ricevere subito i video Gratuiti che ho riservato per te!

Grazie...

SI! MANDAMI I 3 VIDEO GRATUITI

INSERISCI IL TUO NOME E IL TUO INDIRIZZO MAIL PER RICEVERE GRATUITAMENTE I 3 VIDEO ESTRATTI DAL CORSO BASE, PRIMA DI DECIDERE SE ACQUISTARLO.

You have Successfully Subscribed!