Wild Rose

Apatia e mancanza di energia.

Abbreviazione: WRO

Nome italiano: Rosa canina

Nome botanico: Rosa canina

Parole chiave: Apatia, indifferenza, isolamento, abulia, demotivazione, catalessi, disinteresse, inedia, malavoglia, prostrazione, solitudine, esclusione.


Descrizione originale di Edward Bach: "Per coloro che, senza una ragione apparentemente sufficiente, si rassegnano a tutto ciò che accade, e scivolano così attraverso la vita prendendo le cose come sono, senza fare alcuno sforzo per migliorare o per trovare un po' di gioia. Si sono arresi alle avversità della vita senza lamentarsene".

Scarica l’E-book gratuito

Caratteristiche psicologiche ed emozionali del fiore: abbandono, abulia, apatia, appiattimento emozionale, arrendevolezza, completa mancanza di iniziativa, convinzione che il mondo non riservi più nulla, fatalismo, indifferenza, infelicità, ipoattività sessuale, isolamento, mancanza di fede e motivazioni, noia, passività, poca empatia, rassegnazione, resa, rinuncia, scarso interesse per il presente, svogliatezza, vuoto.

Relazione con il Sé: a causa della rassegnazione, la personalità è incapace di seguire le intuizioni più profonde dettate dal Sé superiore, portando profonda apatia.

Il rimedio apporta: la capacità di tornare ad aprirsi alla vita e a ciò che di bello ci può riservare, partecipando con coinvolgimento e motivazione.

Per cortesia condividi su Facebook. Ci aiuti a crescere. Grazie!

Wild Rose nelle caratteristiche tipologiche (Type):

Wild Rose è, come altri, un fiore principalmente reattivo. Subentra in seguito ad avvenimenti negativi in genere perpetrati per diverso tempo. A differenza di Gorse, che ha lottato ha lottato a lungo per la propria situazione e solo alla fine si è arreso, Wild Rose si trascina apatico ed indifferente alla vita, passivo, piatto e isolato emotivamente, subendone passivamente le conseguenze senza reagire. Considerando che “non reagire” è una reazione, pensiamo che l’essere Wild Rose tipologico sia possibile solo se in relazione ad altri fiori quali ad esempio Clematis, Water Violet, Centaury, e sia come un’estensione di un disagio già presente e non risolto. Ci sono tipologia di persone che, con il coltello tra i denti, lottano fino alla fine per migliorare, per crescere, per agire e altre che invece si lasciano scivolare nel vuoto, nel nulla, come se non appartenessero al genere umano e fossero vacue entità in un fatuo transito solo apparente. Ovviamente pensiamo che le origini di questo comportamento siano da ricercarsi nella vita stessa e anche nelle prove che queste persone hanno cercato, con poco successo, di superare. Prendiamo una persona Clematis, ad esempio. Il suo scopo, la lezione che deve apprendere, è quella della concretizzazione. Deve riuscire a radicarsi, ad entrare nella vita con mani e piedi e finalmente agire, essere, invece di pensare solamente. Se una persona così non trova le chiavi che le permettano di aprire la porta dell’evoluzione, molto facilmente scivolerà nell’apatia, nel vuoto e si ritroverà a ciondolare dalla tele al frigo, al bagno alla camera da letto. Wild Rose è un’essenza che ci permette di ritrovare dentro di noi lo stimolo per agire, poiché ci mostra la bellezza racchiusa nella vita, che anni di apatia non fanno altro che cancellare. Non siamo più capaci di guardare, di osservare il bello che ci circonda. Questo fiore nella sua semplicità, ci aiuta a ritrovare la capacità di stupirci.

Lo spettacolo è lo stesso che si gode quando si passeggia nel bosco e si giunge in una radura. Nella radura, disposte come a mazzi, ci sono le siepi di rose selvatiche. Ti sorprendono, non ti aspetti tanta bellezza tutta insieme. Le rose spuntano immerse in cespugli irti di spine, quasi a ricordarti che la bellezza può nascere anche in mezzo al dolore (Max Volpi).

Probabilmente l’apatia di Wild Rose è proprio questo, l’incapacità di far fronte ad un problema che ci assilla, la convinzione di non avere gli strumenti atti a risolvere un problema che ci angustia, si trasforma in apatia, in convivenza coattiva con il problema che diventa parte di noi a tal punto che desideriamo non occuparcene più, vogliamo non considerarlo, come non esistesse. Il problema è che dentro al problema, al conflitto irrisolto, paralizzato, resta anche parte della nostra energia, della nostra forza, della nostra vitalità e finiamo inesorabilmente a scivolare nell’inedia e prostrati ci trasciniamo lungo una vita da spettatori. Se andassimo alla ricerca delle origini psicodinamiche di una tipologia Wild Rose, troveremmo genitori non presenti, problematici, oppure non in grado di stimolare correttamente il bambino alla giusta dose di curiosità per conoscere il mondo esterno. Anche le ferite emotive perpetrate in giovane età influiscono negativamente, al punto da poter portare il bambino alla sospensione completa o quasi del vissuto emozionale, proprio per evitare di incappare nella sofferenza. Ad esempio, la ferita da rifiuto descritta da Lise Bourbeau nel suo libro “Le cinque ferite e come guarirle”, viene descritta come vissuta con il genitore dello stesso sesso nel primo anno di vita. In questa particolare ferita, la percezione del bambino è di essere stato rifiutato, vengono quindi messe in discussione le basi stesse della vita: l’accettazione di Sé, il valore personale, la capacità/il bisogno di stare al mondo. La reazione ad un evento così forte è plausibile che sia, come spesso accade, la sospensione del sentito per evitare la sofferenza. Wild Rose, importantissimo in questo caso, diventa quindi uno dei fiori di supporto per ricollegare il soggetto alla bellezza della vita, ad una gioia che è sua di diritto e che non conosce.

Wild Rose come stato d’animo transitorio (Mood): Lo stato transitorio di Wild Rose, come quello tipologico, ha caratteristiche di disinteresse, demotivazione, malavoglia e abulia. Può sopravvenire come conseguenza a traumi, lutti, periodi di disimpiego, abbandono da parte di figure di riferimento, separazioni, etc. può anche riguardare solamente alcune aree della vita delle persone, come ad esempio il matrimonio o il lavoro, nel caso in cui la persona si sia rassegnata in un particolare ambito, non vedendo davanti a Sé nessuna prospettiva di crescita e/o miglioramento. Può riguardare anche microaree all’interno di macrocategorie, come ad esempio la vita sessuale. La persona vuole bene al compagno/compagna, ma non trova stimolante la conduzione del lato sessuale, si rifugia quindi in una apatia sessuale che magari sfocia all’apparenza come un problema fisico che, in realtà, ha radici psicologiche profonde. Ciò che è certo e ben visibile è che Wild Rose come stato transitorio si accompagna spesso ad una sorta di abbassamento energetico in cui si tende a diminuire i propri compiti fin quasi a cessarli del tutto. Può essere uno dei sintomi riscontrabili all’interno del disturbo depressivo ed accompagnarsi al pensiero del lasciarsi morire. Ancora Wild Rose è utile quando non vi sia risposta terapeutica da parte del soggetto sia durante la terapia floreale che durante una convenzionale. Ad un livello spirituale, pensiamo a Wild Rose come ad un’essenza in grado di dare alla persona apatica, la capacità di entusiasmarsi per qualcosa per cui ne valga davvero la pena.

corso online fiori di bach

Interazione con i problemi fisici: apatia, assenza di reazione terapeutica, calo della libido, debolezza estrema, eccessiva stanchezza, impotenza dovuta a un calo del desiderio, ipotensione, pigrizia, pressione bassa.

Consigli pratici per l’uso: La mancanza di volontà, di energia e di vitalità, non può essere risolta in due minuti se per generarsi ci ha messo una vita. Come sempre, in questi casi, è necessaria una strategia funzionale. L’attenzione rivolta verso il bello, che è ciò che ci piace e fa star bene, va focalizzata per poco tempo al giorno verso qualcosa che ci faccia piacere. Questo atto ripetuto finché non diventa un’abitudine positiva. Le abitudini positive ci permettono di acquistare energia, ci nutrono anziché consumarci.

Wild Rose potrebbe anche avere bisogno di:

Clematis: se tendi non solo a vivere sulle nuvole, nei tuoi sogni, ma questo stato ti sospende dal quotidiano al punto che dovendolo affrontare, senti mancarti le energie.

Gentian: se tendi a rinunciare alla prima difficoltà, hai poca volontà e questo ti ha portato a scivolare in una vita piatta, fatta di accontentarsi di poco.

Mimulus: se tendi a provare paura per tutto, incluso il contatto fisico, l’interazione, ti spaventi e temi il giudizio negativo sulla tua persona. Questo atteggiamento ti ha portato a vivere nella riservatezza.

Water Violet: se tendi all’isolamento, a provare poche emozioni, riservate e dedicate solo a poche persone a cui tieni. Ti allontani con disgusto dalla vita sociale e preferisci startene in disparte.

Se vedi che ti piace ...

Condividi questa pagina

con i tuoi amici!

Seguici sul

nostro canale

Licenza Creative Commons Wild Rose di MaxVolpi è distribuito con Licenza Creative Commons Internazionale.