Vervain

Accentramento e antisocialità.

Abbreviazione: VER

Nome italiano: Verbena

Nome botanico: Verbena Officinalis

Parole chiave: Eccessivo entusiasmo, esagerazione, discussione delle regole, disobbedienza, sfida, comportamento antisociale, indipendenza, autoaccentramento, esasperazione per presunte ingiustizie, tensione, intolleranza, impulsività, ira, aggressività attiva, disprezzo, impazienza, imprudenza, inadattabilità, diffidenza, idealismo esasperato, fanatismo, rigidità dinamica, sovraespressione, irradiazione.


Descrizione originale di Edward Bach: "Per coloro che hanno idee e principi ben radicati che essi ritengono giusti e che sono disposti a cambiare molto raramente. Desiderano sempre convertire ai loro punti di vista tutte le persone che li circondano. Possiedono una forte volontà e molto coraggio quando sono convinti di ciò che desiderano insegnare. Nella malattia lottano più a lungo di altri prima di arrendersi e di tralasciare i propri compiti".

Scarica l’E-book gratuito

Caratteristiche psicologiche ed emozionali del fiore: aggressività, ambizione, anticonformismo, asocialità, audacia, auto-accentramento, bisogno di eccitazione, combattività, comportamento antisociale, convincimento nelle proprie idee, discussione delle regole, disobbedienza, dispersione, disprezzo, eccessivo entusiasmo, esagerazione, esaltazione, esasperazione per le ingiustizie, esercitano pressione sugli altri, estroversione, fanatismo, idealismo esasperato, impazienza, impetuosità, imprudenza, impulsività, inadattabilità, inaffidabilità, incapacità di mettersi in discussione e di confrontarsi, inclinazione alla personalità borderline, indipendenza, individualismo, intolleranza, invadenza, iperattività, ipereccitazione, ira, mancanza di empatia, ostilità, passionalità, pionierismo e innovazione, polemica, proselitismo, ribellione, ricerca di esperienze fortemente emozionanti, ricerca di soddisfazioni immediate, rigidità dinamica e incapacità di rilassarsi, sfida, stress, tendenza al comportamento maniacale, tensione, visione utopica.

Relazione con il Sé: il Sé superiore sta cercando di imparare la tolleranza e l’umiltà. Ha scelto questa forma carica di energia con lo scopo di apprendere l’ordine e la moderazione. La personalità invece, come si evince, è caotica e disorganizzata. I messaggi del Sé sono volti ad originare equilibrio trasformando il caos in un ordine superiore.

Il rimedio apporta: la capacità di gestire in maniera equilibrata la sovrabbondanza energetica catalizzandola nella concretezza e poter raggiungere la quiete.

Per cortesia condividi su Facebook. Ci aiuti a crescere. Grazie!

Vervain nelle caratteristiche tipologiche (Type):

Il Vervain tipologico è una persona estremamente dominante, piena di entusiasmo e di ideali ben radicati e cerca di portare tutti a pensarla come lui. Il suo fare naturalmente espansivo è contagioso e, se correttamente indirizzato, è di grande aiuto poiché fornisce stimoli e coraggio alle persone che lo circondano. Molti sono stati i Vervain positivi che hanno agito nella storia per portare cambiamenti e migliorie dove c’era possibilità. Pensiamo proprio al medico inglese Edward Bach, a Gandhi, a Steiner, a Gurdjeff, a Osho. Accade però che il comportamento di un Vervain non positivizzato, a causa della sua personalità antisociale, restia ad obbedire alle regole, a rispettare lo status quo, finisca per creare scompiglio e caos nell’ambiente perché, principalmente, il caos, Vervain, ce l’ha dentro di Sé. Il disordine interiore caotico di questa persona che non riesce ad accettare di essere parte di un tutto organico e funzionale, seppur pieno di contrasti, lo porta ad isolarsi dal contesto, vivendo tutto e tutti con malfidenza e sfiducia. Vervain NON si fida di niente e di nessuno. Vede conflitti e complotti ovunque, mentre dovrebbe solamente guardare dentro di Sé. Vervain non riesce infatti molto bene nell’interiorizzazione, nell’auto-osservazione. Manca di capacità empatiche e di competenze emozionali, come l’autocontrollo, ad esempio, o l’empatia, la diplomazia, il senso del limite, fatica a dirsi e a dire basta. Ne consegue una vita vissuta al massimo, come un avventuriero, sempre al limite, sempre alla ricerca della tensione, dello sforzo, della forza, però con una peculiarità che è tutta sua: Vervain è un idealista. Focus su questa parola: idealista. Sicuramente Robin Hood era Vervain. “Rubo ai ricchi per dare ai poveri!”, contiene tutto il senso della vita di Vervain. Le regole ci sono e sono sbagliate, allora io le infrango e seguo solo ciò che voglio e sento. Facciamo attenzione però, Robin Hood era certo un Vervain molto positivizzato che lottava per ristabilire uno status equo alle persone sofferenti. Spesso non succede a tutti. Anzi, è più frequente trovare Vervain che “rubano ai ricchi per dare a Sé stessi!”. Sono egoisti, acerrimi nemici di Sé stessi, tesi, nervosi, esaltati, aggressivi. Infatti non di rado hanno bisogno di calmanti come alcool e marijuana per ridurre queste forti correnti interiori, o di eccitanti come la cocaina, per rimanere al limite. Rispecchiamo lo stereotipo maschile nella sua accezione più forte e quindi finiscono per attrarre lo stereotipo femminile di debolezza per eccellenza, cioè la donna istrionica. Femminile, tendente alla teatralità all’apparenza, bisognosa di protezione e galvanizzata dall’uomo potente che la fa sentire una regina.

Vervain ci aiuta a trovare una proporzionalità equilibrata (Ricardo Orozco).

La disamina della “collisione” tra questi due tipi, la rimandiamo ad altra sede però, e torniamo ai tipi Vervain. Seguono la loro strada certi di avere ragione e non guardano in faccia a nessuno. Immaginiamo che i predicatori medievali che mettevano al rogo le streghe fossero decisamente Vervain (con una spruzzata abbondante di Vine, che metaforicamente potrebbe essere aceto di vino). O ancora i gesuiti che portano il Vangelo in ogni angolo remoto del pianeta. Convinti come detto di rappresentare la verità, si stizzano per le ingiustizie, hanno una bassissima capacità di sopportazione, dentro di loro il fuoco è sempre acceso e pronto ad esplodere, finisce quindi per essere di danno a coloro che li circondano che subiscono la loro mancanza di senno. Raggiungono buoni risultati anche con l’assunzione di Cherry Plum. E spesso soffrono di forti risentimenti nei confronti della vita e quindi traggono buoni effetti anche da Willow. Per molti di loro, come sempre del resto, è di fondamentale importanza tenere in considerazione il background. Vervain da piccolo ha vissuto in un ambiente privo di molte o tutte quelle strutture di dolcezza e delicatezza che sono necessarie per coltivare la parte femminile della personalità che tende ad equilibrare il carattere burrascoso ed irruento di Vervain. La famiglia è stata poco presente e non è stata capace di costruire attorno al soggetto una dinamica in cui lo stesso potesse comprendersi, comprendere i moti che lo attraversavano e fare un minimo di autoanalisi e corretta autovalutazione. Ne consegue quindi un carattere fortemente versato all’esterno, ad attribuire le responsabilità degli accadimenti al fuori, con forza, convinzione eccessiva ed intemperanza. La temperanza, che bella parola. Grande qualità da imparare per il Vervain tipologico.

Vervain come stato d’animo transitorio (Mood): I ragazzi in palese conflitto con l’autorità genitoriale risentono positivamente di questa essenza poiché vivono lo scontro. È la fase della ribellione ed è corretta se non si prolunga eccessivamente, perché il ragazzo sta cercando la propria espressione nel mondo. Va detto che spesso i genitori ricorrono alla terapia floreale perché sentono nei ragazzi la ribellione e vorrebbero far cessare questi moti, senza interrogarsi se siano stati loro a creare un ambiente iperprotettivo da cui il ragazzo ha bisogno di evadere. Spesso sono i genitori ad avere bisogno della terapia che vorrebbero somministrare ai figli. In caso invece in cui effettivamente il problema sussista, la somministrazione dell’essenza non impedisce lo sviluppo, semplicemente lo armonizza, creando strategie efficaci e migliore apprendimento dei modelli su cui basarsi.

corso online fiori di bach

Interazione con i problemi fisici: ansia da prestazione, ascessi, cisti, fistole (con Vine), cervicalgia, contratture acute, delirio, psicosi, schizofrenia, emorroidi, episodi di ipertensione, eruzioni, foruncoli, Herpes Zoster, infiammazioni acute con irradiazione, ipertiroidismo, lombalgia, nevralgia, orticaria, rigidità dinamica, sciatalgia, tensione implicante calore, torcicollo, vampate di calore e picchi di febbre.

Consigli pratici per l’uso: Vervain tende al coinvolgimento dell’altro, a cercare l’esteriorità. Questa forte energia propulsiva lo aiuta a stare nel mondo ma spesso sovrasta l’energia degli altri. Pensa come sarebbe interessante dirigere questa energia dentro, anziché fuori. Pratiche meditative, lavoro introspettivo, sono molto utili al Vervain tipologico, lo aiutano a prendere coscienza dei propri moti e a diventare ancor più grande di quanto egli non sia già.

Vervain potrebbe anche avere bisogno di:

Beech: se tendi a criticare tutto e tutti, inasprendoti.

Cherry Plum: se tendi ad esplodere e a non contenere l’energia.

Holly: se tendi ad arrabbiarti, ad essere vendicativo, invidioso.

Vine: se tendi alla freddezza nel comportamento, a dare ordini duri, perentori.

White Chestnut: se continui a tornare sugli stessi pensieri come un disco rotto, senza risolverli.

Willow: se tendi all’amarezza, al risentimento, a sopprimere la collera.

Se vedi che ti piace ...

Condividi questa pagina

con i tuoi amici!

Seguici sul

nostro canale

Licenza Creative Commons Vervain diMaxVolpi è distribuito con Licenza Creative Commons Internazionale.