Pine

Il senso di colpa

Abbreviazione: PIN

Nome italiano: Pino silvestre

Nome botanico: Pinus Sylvestris

Parole chiave: Senso di colpa e di demerito, autorimprovero, avvilimento, autoaggressione, rimorso, ansia, malattie autoimmuni.


Descrizione originale di Edward Bach: "Per coloro che si rimproverano di qualcosa. Anche quando hanno successo, pensano che avrebbero potuto far meglio e non sono mai soddisfatti dei loro sforzi e dei loro risultati. Sono grandi lavoratori, ma soffrono molto per i difetti che si attribuiscono. A volte, di fronte a un errore commesso da altri, arrivano perfino ad attribuirsene la responsabilità".

Scarica l’E-book gratuito

Caratteristiche psicologiche ed emozionali del fiore: ansia, auto rimprovero, autoaggressione, avvilimento, complesso di colpa, crede di non meritare l’amore, eccessivamente esigente verso se stesso, eccesso di responsabilità, errore vissuto come colpa, immaturità, inadeguatezza, indegnità, insoddisfazione rispetto ai propri sforzi, iper-razionalità, mancanza di obiettività per il proprio valore, mancanza di profondità di pensiero, masochismo, mortificazione, perfezionismo, pignoleria, presenza di profezie autorealizzanti, punizioni inflitte a se stessi, repressione sessuale su di sé, rifiuto del piacere, rigidità mentale, rimorso, sacrificio in funzione del sentirsi in debito, senso di colpa e di demerito, suddivisione in poli senza sfumature (buono e cattivo, decente e indecente etc).

Relazione con il Sé: il super-io è forte ed estremamente giudicante. La personalità ignora i messaggi del Sé superiore prevaricandoli e relega l’anima in una gabbia di punizione e merito. Pine sembra avere un motivo per non potersi godere la vita.

Il rimedio apporta: la capacità di percepire il piacere in maniera giusta ed equilibrata. Accettare il perdono di sé. Riscoprire il merito.

Per cortesia condividi su Facebook. Ci aiuti a crescere. Grazie!

Pine nelle caratteristiche tipologiche (Type):

Il fiore di Pine si relazione direttamente con il senso di colpa in quanto, nelle parole di Bach “Per quelli che si rimproverano sempre qualcosa. Anche quando hanno successo pensano che avrebbero potuto fare meglio e non sono mai soddisfatti dei loro sforzi né dei loro risultati”, si ravvede un legame diretto con questo difetto dell’Anima. Ti ricordo che il senso di colpa è in relazione a ciò che il singolo fa (questo razzo spaziale a combustione solare non va abbastanza bene), la vergogna (Crab Apple), in relazione a ciò che il singolo è (io sono così stupido da non riuscire nemmeno a costruire questo razzo spaziale a combustione solare). Ne consegue che la persona che incarna tipologicamente i tratti Pine, prova disagio poiché crede di non fare abbastanza rispetto alle proprie potenzialità. Si vira verso un’altra essenza che ci parla di iper-attività, come OAK ad esempio, quando alla persona, le 24 ore non bastano per fare tutto ciò che vorrebbe fare. Sicuramente un’educazione rigida che richiede moltissimi sforzi da parte del bambino per adeguarsi alle aspettative dei genitori, può generare una componente caratteriale di tipo Pine, in cui ogni sforzo è visto come la normalità (il tuo dovere) e ogni manchevolezza rimarcata come un errore condizionante (hai sbagliato?). Già Freud descrive il senso di colpa come interiorizzazione del giudizio nel super-Io e quindi come conseguente ricerca di approvazione da parte del genitore che detta la linea di demarcazione tra bene e male, tra giusto e sbagliato. La persona che sperimenta il senso di colpa, sente di aver trasgredito il codice morale del proprio gruppo di appartenenza, quindi resta principalmente localizzato ai valori appresi durante l’imprinting. Il soggetto DEVE diventare irreprensibile, affidabile, educato, coerente e tenderà ad inseguire l’ambita meta della somiglianza alle figure che hanno dettato le regole, arrivando fino a punirsi nel caso in cui i suoi risultati non corrispondano con la soglia di “giusto” prefissata. Difatti dice Bach:

Sono grandi lavoratori e soffrono molto per i loro errori. A volte arrivano ad attribuirsi la responsabilità di errori commessi da altri (Edward Bach).

Si deve comunque sempre tenere in considerazione anche l’influenza del cattolicesimo sulle vite dei miliardi di persone che nei circa 2000 anni trascorsi, si è aggrappata alle coscienze facendone brandelli. L’Amore è la via. Non la punizione. Il Pine tipologico dovrà pure confrontarsi con un certo grado di repressione sessuale. Tutti questi processi generatori di ansia avranno bisogno di sfogo per evitare che possano ingenerare ripercussioni interne. Sicuramente la rigidità è un tratto caratteriale del Pine tipologico, non potrebbe essere altrimenti con tutta queste colorata serie di autolimitazioni imposte alla partenza. I meccanismi mentali sono in fondo strutture atte alla sopravvivenza. Chi potrebbe sopportare l’inadeguatezza costante ai modelli sovra-imposti da genitori rigidi? Allora il personaggio Pine tipologico, vi si adegua cercando di raggiungere il meglio, senza peraltro mai trovarlo e credendo, a torto, di doversi fare carico di molte responsabilità.

Pine come stato d’animo transitorio (Mood): La descrizione fatta per il Pine tipologico vale anche per quello transitorio seppur mutando le condizioni. Un Pine transitorio non avrà in sé un senso di colpa installato in modo cronico ma, per effetto di un accadimento temporaneo in cui non avrà agito al meglio delle proprie possibilità, percepirà senso di colpa. Che sia un’istanza tipologica o transitoria, sicuramente Pine è l’essenza giusta per chi sente che avrebbe potuto fare di più, seppur essendosi comportato con il massimo dell’impegno possibile.

corso online fiori di bach

Interazione con i problemi fisici: anoressia e bulimia, autolesionismo, eczemi, malattie autoimmuni (artrite reumatoide, lupus eritematoso, sclerodermia), malattie congenite ( anche rare, genetiche e perinatali), masochismo, problemi sessuali (con cause psicologiche), psoriasi, sclerosi multipla, tossicodipendenza.

Consigli pratici per l’uso: Leggendo la descrizione del Pine tipologico si evince che spesso la persona tormentata dai sensi di colpa soffre per quel Gap di distanza tra ciò che è e ciò che vorrebbe essere. Spesso e volentieri questo Gap non è reale, ma appartiene ad un meccanismo di facile reperimento che si trova dentro le nostre convinzioni più profonde: non essere adeguati a ciò che ci si aspetta da noi. Un esercizio semplice ma incredibilmente funzionale tocca due temi fondamentali: l’esser grati ed il perdono. L’esser grati ci aiuta a vivere in maniera più positiva, il perdono ci aiuta a ridare agli esseri umani la loro corretta prospettiva. Ringraziare è semplice: basta scrivere una sincera lettera di ringraziamento ad una persona che ci ha davvero aiutati in un momento in cui ne avevamo bisogno e poi … leggergliela. Studi confermano che il livello di felicità si alza dal 5 al 19% dopo questo esercizio. Subito dopo, puoi osservare che le figure genitoriali o che comunque sono state dure con te durante l’apprendimento, hanno anch’esse dei limiti (poiché sono esseri umani) e ringraziarle per questo, genera il perdono. Il fiore del Pino, unito ad un lavoro su di Sé, ci aiuta a migliorare le qualità che siamo venuti a sviluppare qui.

Pine potrebbe anche avere bisogno di:

Centaury - Oak: se il senso di colpa arriva perché si crede di non aver fatto abbastanza.

Chicory: se deriva dal sapere che le persone che ama gli sono lontane e si sente in colpa.

Scleranthus: se il suo senso di colpa è un continuo ripensare a cosa sia giusto e cosa no.

Se vedi che ti piace ...

Condividi questa pagina

con i tuoi amici!

Seguici sul

nostro canale

Licenza Creative Commons Pine diMaxVolpi è distribuito con Licenza Creative Commons Internazionale.