Mimulus

Paura ed evitamento

Abbreviazione: MIM

Nome italiano: Mimolo giallo

Nome botanico: Mimulus Guttatus

Parole chiave: Timidezza, timore del giudizio negativo e del rifiuto, insicurezza, evitamento, introversione, senso di inferiorità, isolamento attivo, ansia sociale, paura di origine nota.


Descrizione originale di Edward Bach: "Per le paure causate dalle cose del mondo, come la malattia, il dolore, gli incidenti, la povertà, il buio, la solitudine, la sfortuna, le paure legate alla vita quotidiana. Le persone che ne soffrono sopportano in silenzio e in segreto i propri timori perché non ne parlano volentieri con gli altri".

Scarica l’E-book gratuito

Caratteristiche psicologiche ed emozionali del fiore: ansia sociale, apprensività, continua ricerca di segnali di pericolo, convinzione di essere insignificante, diffidenza, evitamento, facilmente scoraggiabile, fragilità, frustrazione dettata dalla rinuncia, impressionabilità, indecisione, insicurezza, introversione, ipersensibilità agli stimoli stressori, ipervigilanza (che porta paradossalmente a scarse capacità di concentrazione ed attenzione), isolamento attivo (bisogno di ritirarsi per diminuire l’ansia), negazione (rifiuta di vedere ciò che lo intimorisce), nervosismo accentuato, non ama la solitudine ma la accetta per cercare sicurezze, paure di origine nota (di cose concrete), paura di soffrire, procrastinazione causata dalla paura di affrontare, repressione di sé, rigidità sociale che può sfociare nella fobia, ritrazione (si sottrae alle situazioni che li generano stress), scarsa volontà, sensazione di essere sempre al centro dell’attenzione e di essere giudicato negativamente, sensazione di inadeguatezza e di ridicolo, senso di inferiorità, suscettibilità, timidezza, timore del giudizio negativo e del rifiuto, timori anticipatori, vergogna.

Relazione con il Sé: secondo Bach, Mimulus è venuto ad imparare la lezione della compassione. La lezione trascendentale che il Sé offre è di comprendere la natura della paura, trasformarla in coraggio per capire gli altri e che “tutti” soffrono.

Il rimedio apporta: la capacità di trasformare la paura in coraggio, sviluppando gioia e desiderio di condivisione.

Per cortesia condividi su Facebook. Ci aiuti a crescere. Grazie!

Mimulus nelle caratteristiche tipologiche (Type):

il Mimulus tipologico e la personalità definita “evitante” dalla psicologia contemporanea hanno diversi tratti in comune. La timidezza, l’ansia, la paura di non essere accettati sono al centro del comportamento del Mimulus tipologico che, per definizione, ha paura di tutto e di tutti. Vi è ipersensibilità agli stimoli, si ricerca quindi la quiete e la sicurezza delle cose conosciute per evitare di incappare in tutte quelle situazioni che generano ansia. Il problema dell’ansia è notevole proprio a causa dell’ipersensibilità che ne aumenta fortemente l’intensità. Ci sarà quindi un’incapacità all’abbandono, un’ipervigilanza costante (la paura di non essere adeguati) a cui segue una mancanza di relazioni profonde causata sempre dalla paura. Il Mimulus vorrebbe una vita sociale come tutti, però si ritira (evita) di fronte alla possibilità di non essere accettato (isolamento attivo). Ogni critica diventa fonte di stress ed è vissuta in maniera inadeguata perché esagerata. Il soggetto non ha le competenze emozionali adeguate per gestire la critica in maniera costruttiva poiché per background, probabilmente di un imprinting difficile, si denigra, si colpevolizza e si sminuisce continuamente. La paura, il grande carceriere come la definiva Bach, assume quindi un’importanza enorme poiché gestisce la vita del Mimulus in ogni aspetto. Ne consegue il vano tentativo di mantenere un ferreo controllo su tutto e sfocia in rigidità, tensioni e paradossalmente mancanza di concentrazione. Certo, perché il dover mantenere l’ipervigilanza porta al consumo rapido di energie, alla stanchezza e alla perdita di focus. Questa potrebbe anche essere la causa della cagionevolezza di Mimulus. Sicuramente il suo equilibrio è molto delicato. Emozionalmente represso, fatica a prendere coscienza del suo mondo perché difficilmente riesce a mantenere un contatto duraturo con le proprie emozioni (pratica che gli costa fatica e gli provoca stress), vive la contraddizione del voler provare affetto, unita alla diffidenza. Abbisogna protezione e allo stesso tempo vorrebbe vivere avventure e dimostrare il suo coraggio. Ecco allora che le fantasie spesso si sostituiscono alla realtà creando un parallelo in cui può sognare di esprimere tutto sé stesso senza tuttavia esporsi alle critiche e al tormento. Le fantasie sostitutive di grandiosità sono infatti una compensazione del vissuto reale che “evita” il confronto diretto così temuto. L’autostima e la volontà sono ovviamente molto basse e tutto il quadro spesso è frutto, come detto, di un imprinting duro, causato da genitori castranti, anaffettivi, dittatoriali o non presenti (genitore normativo negativo). La variabilità d’intensità delle caratteristiche succitate genera quadri differenti e le difficoltà nella vita dei Mimulus possono essere rilevanti, quantomeno nei soggetti più negativizzati.

L'aspetto positivo della persona Mimulus si manifesta in colui che può fare fronte a tutte le tribolazioni e a tutte le difficoltà della vita con serenità e col sorriso sulle labbra (Philip M. Chancellor).

È importante ricordare che, come sempre, lo sviluppo delle qualità positive tende alla remissione del sintomo e in questo Bach è stato geniale. Egli sostiene che la persona Mimulus sia venuta ad apprendere la lezione della “compassione”. Distogliere l’attenzione dalle proprie paure per comprendere cosa provino gli altri, è certo una lezione vitale per il piccolo e spaventatissimo Mimulus.

Mimulus come stato d’animo transitorio (Mood): Ognuno di noi può attraversare momenti in cui si è dominati dalla paura. Questi stati sono vissuti da ognuno di noi per diversi motivi. L’unica considerazione importante da fare, nel caso di Mimulus, è l’applicazione per il timore di cose concrete tra cui possiamo annoverare le fobie, la paura di prendere un aereo, un ascensore, la paura delle malattia, della morte, della sofferenza, di dover affrontare situazioni, esami, trasformazioni, cambiamenti. Da tenere in alta considerazione nella scelta dei rimedi (quasi mai unicista e certamente non per partito preso) è l’analisi differenziale: quali sono i motivi della paura? ad esempio una persona potrebbe aver paura di parlare in pubblico perché non si sente all’altezza della situazione, allora andrebbe considerata l’assunzione parallela di Larch per il senso di inferiorità, oppure potrebbe avere paura dei cani perché è stata morsa, allora dovremmo considerare di aggiungere anche Star of Bethlehem per il trauma, e così via. Non essendo questa la sede, non andremo ad approfondire quali fiori possono aggiungersi e perché, ti ricordo tuttavia che tutto il sistema floreale di Bach ruota attorno alla paura (la grande carceriera, la definiva lui) e quindi l’uso di Mimulus per gli stati transitori va preso in considerazione quando il timore si riferisce a cose e situazioni concrete.

corso online fiori di bach

Interazione con i problemi fisici: ansia, balbuzie da timidezza, enuresi notturna, facilità a cadere in stati di stress, ipocondria, nervosismo, soglia del dolore molto bassa.

Consigli pratici per l’uso: La difesa psicologica dell’evitamento che sta alla base dell’atteggiamento Mimulus è il meccanismo che ci importa maggiormente in questo caso. Per evitamento si intende in psicologia clinica una modalità di pensiero persistente e invalidante che non consente all'individuo di affrontare una situazione temuta. Questo tipo di difesa è, per la psicologia cognitiva, alla base delle fobie e del mantenimento di credenze disfunzionali (convinzioni di pericolosità di oggetti o eventi). Quanto più un individuo evita di esporsi ad oggetti o situazioni che gli provocano paura, tanto più sarà confermata in lui la credenza che tale oggetto o situazione siano realmente pericolose. Tecniche di esposizione (esporre gradualmente in maniera consapevole l'individuo allo stimolo temuto) permettono di diminuire sensibilmente la credenza di pericolosità dell'oggetto temuto. Inoltre Bach usa lo stratagemma più funzionale del precedente che propone al soggetto Mimulus di sviluppare la “compassione”. Esci di casa e stai vicino a persone che soffrono. Scoprirai di non essere l’unico a soffrire, ad avere paura, a temere le cose del mondo, e potrai scoprire che dentro di te ci sono già la volontà e il coraggio di far fronte a ciò che ti accade.

Mimulus potrebbe anche avere bisogno di:

Larch: se percepisci mancanza di autostima.

Gentian: se il pensiero negativo e lo scoraggiamento ti invadono e ti inibiscono fortemente.

White Chestnut: se rimugini con timore anticipatorio su tutto ciò che ti preoccupa.

Crab Apple: se provi spesso vergogna.

Agrimony: se tendi a mascherare le tue paure distogliendo.

Beech: se tendi a compensare la paura con la superiorità, con il distacco e la critica.

Cherry Plum: se l’emotività ti pervade al punto da farti quasi esplodere.

Honeysuckle: se rimani ancorato al passato, all’infanzia ad esempio o ad un periodo felice, pur di non affrontare la vita di oggi.

Se vedi che ti piace ...

Condividi questa pagina

con i tuoi amici!

Seguici sul

nostro canale

Licenza Creative Commons Mimulus di MaxVolpi è distribuito con Licenza Creative Commons Internazionale.