Honeysuckle

Il passato che non vuole andar via

Abbreviazione:HON

Nome italiano:Caprifoglio

Nome botanico:Lonicera Caprifolium

Parole chiave: Eccessivo attaccamento e peso rispetto al passato (lontano o recente, piacevole o spiacevole), nostalgia, ostinazione a vivere nel passato.


Descrizione originale di Edward Bach: "Per coloro che vivono molto nel passato, forse un periodo di grande felicità, o nel ricordo di un amico perduto o di ambizioni non realizzate. Non si aspettano di ritrovare una felicità simile a quella già vissuta".

Scarica l’E-book gratuito

Caratteristiche psicologiche ed emozionali del fiore: idealizzazione del vissuto, incapacità al distacco emotivo, malinconia, mancanza di flessibilità e di adattamento, nostalgia, ostinazione a vivere nel passato, possibile idealizzazione di un amore finito, prigionia nei ricordi, regressione, rifiuto delle novità, delle nuove esperienze e dei cambiamenti, rimpianto, scarso interesse per il presente, sente di non poter trovare nuovamente una felicità così grande, subisce i dolori del passato e ne è pesantemente influenzato.

Relazione con il Sé: a causa dei trascorsi, la personalità rimane cristallizzata in un momento che non è il presente impedendo l’ascolto dei messaggi provenienti dal Sé superiore che guidano invece all’evoluzione.

Il rimedio apporta: la capacità di integrare il passato per vivere il presente pienamente.

Per cortesia condividi su Facebook. Ci aiuti a crescere. Grazie!

Honeysuckle nelle caratteristiche tipologiche (Type):

Questa persona vive di rimpianti. L’archetipo nella personalità Honeysuckle, infatti, ci riporta al passato ed ai legami con esso. Questa tipologia infatti non è in grado di recidere il cordone ombelicale con il passato poiché nutre l’errata convinzione che il passato sia stato così ricco e felice da non poter essere eguagliato in nessuna misura dal presente. Per questo ci risulta assai difficile pensare ad un Honeysuckle tipologico, anche se quando parliamo dei legami col passato, non necessariamente dobbiamo rivolgere l’attenzione alle persona anziane. Honeysuckle è un archetipo che può appartenere a tutte le età, inclusi i neonati che, complici eventuali parti o travagli difficili, possono subire questo disagio. Molte persone, bloccate ad un’età in cui erano estremamente felici, e magari con la connivenza di qualche trauma, hanno fermato la loro evoluzione a quello specifico momento e vi ritornano incessantemente con la mente e le emozioni, impedendo al presente di manifestare tutta la propria bellezza. Non sono rari i casi di persone che parlano, si atteggiano, si vestono come se appartenessero ad un altro momento storico. Vien da sé pensare che quando i ricordi iniziano a superare i sogni, le persone possano incorrere in stati Honeysuckle. L’essenza è anche di grande aiuto quando il blocco deriva da un’aspettativa, un sogno non realizzato. Per chi cambia zona o paese per lavoro, ad esempio. Per i bambini che lasciano le mura domestiche per recarsi a scuola (accompagnato da Walnut). Ogni volta che l’istinto o le memorie ci spingono a ripercorrere i passi già fatti con malinconia.

L’assunzione di Honeysuckle allontana dalla coscienza ogni angoscia e preoccupazione per il passato. Neutralizza l’influenza, i desideri e la nostalgia dei tempi passati e ci riporta al presente (Edward Bach).

Honeysuckle come stato d’animo transitorio (Mood): Come detto, ci risulta difficile pensare ad Honeysuckle come ad un fiore tipologico. Necessariamente la persona che vive di rimpianti, ha un trascorso alle spalle e poco importa che provenga da questa o da un'altra vita. L'atteggiamento che il fiore riequilibra, ci porta a pensare ad un eccessivo attaccamento al passato.

corso online fiori di bach

Interazione con i problemi fisici: da includere nel trattamento del lutto e nell’accompagnamento al morente, menopausa o invecchiamento, non accettazione dell'attuale condizione, regressione del comportamento nei bambini, ricomparsa dei sintomi in malattie già superate (ricadute), utile nella regressione alla fase infantile del morbo di Alzheimer.

Consigli pratici per l’uso: Honeysuckle è un atteggiamento valutabile in moltissimi casi anche molto diversi tra loro e quando lo inseriamo nelle composizioni floreali, non dobbiamo pensare solo alla vecchiaia. Una bambino che va all’asilo lasciando il nido materno, per esempio, potrebbe avere bisogno di Honeysuckle. Per questo motivo, nelle relazioni tra fiori, abbiamo inserito solamente Chicory, per dare un esempio di struttura psico-emozionale. Ma Honeysuckle è applicabile a molti contesti, perché le emozioni centrali sono il rimpianto, la nostalgia. Come dice Bach, entrambe emozioni di “scarso interesse per il presente”. In queste situazioni il focus sul presente viene perso perché la mente torna al passato, a qualcosa che abbiamo vissuto e che ci ha lasciato un’impressione, un ricordo molto forti. Per tornare a vedere il presente a colori è importante un lavoro di riconnessione, in qualche modo, è necessario lasciare andare, salutare, congedare, la memoria che non ci lascia vivere. Un lavoro di rielaborazione consapevole, unito ad un lavoro sul corpo, è sicuramente utile per ritornare nel qui ed ora.

Honeysuckle ha un principio transpersonale così ampio che potrebbe essere associato liberamente a tutti i fiori.

A titolo di esempio, Honeysuckle potrebbe anche avere bisogno di:

Chicory: se sei una madre che ha retto la famiglia, tenendo uniti tutti i suoi membri, creando legami e ora ognuno ha preso la sua strada e tu sei rimasta da sola.

Se vedi che ti piace ...

Condividi questa pagina

con i tuoi amici!

Seguici sul

nostro canale

Licenza Creative Commons Honeysuckle di MaxVolpi è distribuito con Licenza Creative Commons Internazionale.