Centaury

Senza dire mai no

Abbreviazione: CEN

Nome italiano: Centaurea Minore

Nome botanico: Centaurium Umbellatum Erytrhaea

Parole chiave: dipendenza, influenzabilità, mancanza di volontà, negazione dei propri bisogni.


Descrizione originale di Edward Bach: "Per le persone buone, tranquille, gentili, estremamente ansiose di servire gli altri. Chiedono troppo alle loro energie, quindi si affaticano facilmente. Il loro desiderio di aiutare il prossimo è così forte che tendono a diventare più dei servi che degli aiutanti generosi. Il loro buon cuore li porta a fare più di quello che dovrebbero e, in questo modo, trascurano quella che è la loro particolare missione nella vita".

Scarica l’E-book gratuito

Caratteristiche psicologiche ed emozionali del fiore: accondiscendenza, angoscia, ansia, bisogno di approvazione, di accettazione, di riconoscenza e di protezione, bisogno di vivere all’ombra di un’autorità, carenza affettiva, convinzione di essere amato per ciò che fa e non per ciò che è, debolezza, delicatezza, difficoltà a porre dei limiti, dipendenza (principalmente emozionale ma anche da sostanze), disposizione al sacrificio, docile e gentile, eccessiva dipendenza dagli altri, facile influenzabilità, frustrazione data dal dare più di ciò che si riceve, idealizzazione (ad es: del partner), immaturità ed infantilismo, incapacità di esprimere la rabbia, incapacità di farsi valere, ingenuità, insicurezza, introiezione dell’identità altrui, iperemotività, mancanza di autostima, mancanza di volontà, masochismo, negazione dei propri bisogni, passività, paura del rifiuto e della solitudine, paura della separazione e della mancanza, predilige l’obbedienza al comando, può essere preda del ricatto affettivo, ricerca di attenzione e di approvazione, rifiuto del processo di crescita, scarsa capacità di autoaffermazione, scarsità di energia psico-fisica, semplificazione del significato degli eventi, sensibilità ai bisogni altrui, servilismo, sottomissione, spossatezza ed atonia, tendenza ad offrire aiuto incondizionato, timidezza, trova realizzazione nella soddisfazione dei bisogni altrui.

Relazione con il Sé: negazione delle reali esigenze del sé per mancanza di maturità e confini personali.

Il rimedio apporta: la capacità di essere altruisti e generosi senza dimenticare sé stessi.

Per cortesia condividi su Facebook. Ci aiuti a crescere. Grazie!

Centaury nelle caratteristiche tipologiche (Type):

I tratti psicologici della persona a cui è necessario somministrare questo rimedio sono facilmente sovrapponibili alle caratteristiche della personalità dipendente. Egli si trova in difficoltà nel prendere le decisioni quotidiane, richiede continuamente consigli e rassicurazioni e delega la responsabilità per la maggior parte dei settori della sua vita per paura di non essere in grado di decidere per sé. Fatica ad esprimere il disaccordo per il timore di perdere supporto o approvazione. Il compito più difficile per questa tipologia è infatti imparare a stabilire un confine al proprio spazio personale, imparare a dire NO quando ve ne è la necessità, superare l’ansia da separazione, poiché identifica sé stesso con gli altri. Il “senso della vita” per questa persona è proprio l’essere d’aiuto al prossimo. Quando può battersi per aiutare le persone a cui vuole bene, si sacrifica all’inverosimile. Questa caratteristica di per sé degna di plauso, finisce per sottrarre energie al soggetto che diventa preda dei bisogni altrui, dimenticandosi dei propri e di sé stesso. Dovrà imparare a gestire le istanze degli altri per riuscire ad adempiere alle proprie che, invece soffocate, generano poi un livello di tensione interna non scaricabile, poiché la persona vive nella errata convinzione che da solo non varrà niente, non saprà sopravvivere a sé stesso, etc. Questa doppia catena lo relega in una posizione di stallo dove troviamo sia la paura di non valere senza gli altri sia, come conseguenza, la sottomissione.

Sottomissione è una parola pregna di significato per queste persone: Sotto – Missione – significa che non stanno adempiendo alla loro missione, stanno svolgendo compiti che sono al di sotto delle loro reali potenzialità e bisogni.

Edward Bach direbbe: “Egli porta il fardello di quelli capacissimi di sorreggere il proprio, solo perché chiamano a voce più alta”.

La libertà e l’autonomia sono sinonimo di solitudine e privazione poiché veste l’abito mentale del bisogno d’affetto. Potremmo dire che non ha ancora terminato correttamente lo svezzamento. Fatica ad iniziare progetti o a fare cose autonomamente, per una mancanza di fiducia nel proprio giudizio o nelle proprie capacità piuttosto che per mancanza di motivazione od energia. Si snatura, cioè smette di seguire i suoi bisogni, pur di avere accudimento ed approvazione e, anche all’interno della relazione, si offrirà di svolgere ogni mansione per garantirsi accudimento ed evitare di perdere l’altro. La separazione infatti è simile ad una tragedia greca. Lo getterà nello sconforto totale ma cercherà subito di colmare nuovamente questo vuoto assoggettandosi a qualcun altro che potrà ancora sottometterlo con una volontà più forte della sua. La grande qualità di queste persone è la reale capacità di sostenere il fardello dei più bisognosi. Questa andrebbe però inquadrata in un contesto più ampio dove la persona possa riconoscere veramente questo enorme valore per farlo fruttare al meglio anziché confinarlo ad uso del tiranno di turno (moglie, marito, figli, capo ufficio). Certo Centaury è il fiore principe nel trattamento della dipendenza emotiva.

quando in uno stato transitorio e quindi non facente parte della caratteristiche di base della personalità, Centaury può essere impiegato per diminuire gli effetti negativi dell’attaccamento malsano. Non è necessario infatti avere caratteristiche di personalità dipendente per assumere l’essenza. A tutti sarà capitato prima o poi un partner che ci impedisce di esprimerci liberamente ma che tuttavia ci tiene legati a sé con il proprio potere personale ed anziché aiutarci ad evolvere, ci trattiene in uno spazio che non sia il nostro, dove le nostre qualità non si esprimono liberamente, dove siamo preda della violenza verbale o fisica che sia. Il fiore ci spinge a riconoscere il nostro spazio personale per tornare ad abitarlo pienamente.

corso online fiori di bach

Interazione con i problemi fisici: anemia, conseguenze di abusi e maltrattamenti, debolezza, dipendenze (con altri fiori), favorisce la circolazione venosa, riabilitazione, stanchezza o esaurimento.

Consigli pratici per l’uso: la tua tendenza a dire sempre di si e a correre in aiuto degli altri, potrebbe aver bisogno di un riequilibrio perché, pur essendo giusto prestare la propria opera, questa non deve andare a discapito di noi stessi, pena il sacrificio eccessivo e la deviazione dal nostro compito, da ciò che noi vogliamo veramente. Durante l’assunzione dell’essenza potresti percepire il mutare dei tuoi confini ed eventualmente sentire un senso di colpa che ti chiede di non cambiare. Allora potresti integrare con Pine e cercare di trovare finalmente il tuo centro.

Centaury potrebbe anche avere bisogno di:

Holly: il tuo prodigarti per gli altri è giusto e ne sei consapevole. Nonostante questo, nel farlo, ti arrabbi facilmente.

Larch: se manchi di autostima e ti sottometti sempre ai desideri altrui.

Pine: se provi senso di colpa per le tue azioni e vorresti fare meglio.

Red Chestnut: se sei sempre in pena per le persone a cui tieni e che ti sforzi di aiutare.

Rock Rose: se sei sempre all’erta nelle situazioni e avverti pericoli ovunque.

Willow: se non ti piace la tua situazione e pensi di non esserti meritato un compito così pesante.

Se vedi che ti piace ...

Condividi questa pagina

con i tuoi amici!

Seguici sul

nostro canale

Licenza Creative Commons Centaury di MaxVolpi è distribuito con Licenza Creative Commons Internazionale.